INNARELLA Pasquale

INNARELLA PASQUALE (ST,SA,SS).

Lacedonia (AV) 1959.

Inizia giovanissimo a suonare il sassofono nella locale banda musicale. Nel 1984, si diploma al Conservatorio di Salerno e, quindi, si trasferisce a Roma. Nel corso degli anni ha maturato un approccio personale e inconfondibile, anche con la realizzazione di progetti che integrano stili differenti (in particolare la musica popolare ed etnica) e arti visive. Attivo nei jazz festival in Italia e all’estero, è ospite di trasmissioni televisive e radiofoniche e collabora con decine di artisti di fama internazionale sia dal vivo sia in studio, senza trascurare un’intensa attività didattica anche in ambito seminariale e in laboratori sociali. Ha collaborato con Giancarlo Schiaffini, Ettore Fioravanti, Eugenio Colombo, Pino Minafra, Tiziano Tononi, Gianluigi Trovesi, Bruno Tommaso, Roberto Ottaviano, Evan Parker, Michel Godard, Antonello Salis, GUnther Shuller, William Parker, Andrei Cyrille, Hamid Drake, Mattew Shipp e molti altri. Ottimo strumentista ma anche ambizioso compositore ed organizzatore. Egli affronta i temi presentandoli senza snaturarli, facendone risaltare il lato emotivo e intergrandoli nella odierna improvvisazione.

Discografia:

Discanto.pasquale iannarella discanto

Pasquale Innarella (st-corno) Giancarlo Schiaffini (tb-tuba) Daniel Studer (b) Ettore Fioravanti (dr-perc).

Discanto / Guitti / Tecnolifanti / Improvviso.

(Le Parc 513).

Roma, 10 Ottobre e 21-22 Dicembre 1993.

.

Pirotecnie Sonore.pasquale iannarella Pirotecnie Sonore.

Evan Parker (st,ss) Guido Mazzon (tr) Michel Godard (tuba) Renato Geremia (vl,fl,cl,sa) Gerardo Tozzo, Nicola Carchia (sb,flic) Carmine Pignatiello, Giuseppe Ricci (flic) Michele Megliola, Pasquale Innarella (fr horn) Alessandra Giannetti, Karin Perrotti (fl) Giovanni Montecalvo (ss) Vinicio Ventrudo (tamb) Amedeo Tramonte, Ghery Perrotti, Leonardo Gallo (st) Antonio Del Sonno, Giuseppe Lastella (tb) Angelo Di Meo, Antonio Manna, Gaetano Ventrudo, Remo Bruno, Rocco Melillo (tr) Gerardo Meola, Mario Bianco, Nicola Colacone (tuba) Carmen Pasciuti, M.Grazia Giannetti, Michele Sammarco (sa) Michele Mastropieri (dr) Antonio Di Salvo (sb) Antonio Rinaldi, Carmine Cotoia, Enzo Bruno, Giovanni Mastrangelo, Giuseppe Ferrara, Mauro Sammarco, Michele Giannetti, Michele Lecce, Rocco Accettullo, Rocco Frisoli, Serafina Giannetti, Tommaso Lecce (cl) Roberto Fatibene (cymbal) Mauro Orselli (dr)

Pirotecnie Sonore III [18:27] / Pirotecnie Sonore I [18:17] / Pirotecnie Sonore II [17:46] / Pirotecnie Sonore IV [15:58]

(Splasc(h) 661) Orsara di Puglia, 3 Agosto 1997.

Music Of The Angels.pasquale iannarella Music Of The Angels.

Pasquale Innarella (ss,st) Roberto Bellatalla (b) Michele Rabbia (dr,perc)

Angels [5:37] / You’re What This Day Is All About [7:06] / Heart Love [7:01] / Composition 23 E [9:37] / Intro 245 [1:08] / 245 [7:27] / Unico [15:44] / Odwalla [8:08]

(Rai Trade RTPJ 0001)

Roma, 29 Novembre 2004.

.

Echoes, Live in Ceglie.pasquale innarella live in ceglie

William Parker (b) Hamid Drake (dr) Pasquale Innarella (ss,st) Angelo Olivieri (tr,flic) Armando Battiston (p,fl)

Shouts [10:47] / Lament for Tookie Williams [12:59] / Is Life a B-Movie? [13:33] / Sound Reflections for Bass Recorder [9:00] / Ceglie Open Blues [7:55]

(Terre Sommerse) Ceglie, 2006.

.

L’uomo del 300 Gilera.pasquale iannarella L'uomo del 300 gilera

Pasquale Innarella (st,ss) Beppe Caruso (tb,tuba) Francesco Lo Cascio (vib) Gianluca Pizzorno (b) Roberto Altamura (dr)

Freexland / Orecchiettabile / Kebabo / Amarea / Ra Bumbardon / La giostra Di Mattia / L’uomo del 300 Gilera.

(Terre Sommerse)

Ceglie, 2007.


Live In The Ghetto.pasquale iannarella Live In The Ghetto.

William Parker (b) Hamid Drake (dr) Pasquale Innarella (sax)

Live In The Ghetto In Door [8:08] / Live In The Ghetto Suite: (A) [17:05] / (B) [13:06] / (C) [19:22] / Live In The Ghetto Exit [15:14]

(Terre Sommerse ‎TSJEI010)

Roma, 2 Novembre 2008.

.

Uomini di Terra.pasquale iannarella uomini di terra

Pasquale Innarella (ss,sa,ss) Francesco Lo Cascio (vib,perc) Pino Sallustri (b) Roberto Altamura (dr)

L’uomo delle terre / Flowers For Rocco Scotellaro / Malayka / Terra selvatica / Festa Contadina / Non è l’amore che va via / Donne delle tembe / Blued.

(Terre Sommerse TSJE1014)

Roma, Marzo 2012.

MonkTronik.pasquale iannarella MonkTronik.

Pasquale Innarella (sax) Roberto Fega (eletr)

In Walked Bud / Little Rootie Tootie / Bemsha Swing / I Mean You / Crepuscule With Nellie, Monk’s Mood, Reflections, Pannonica / Off Minor / Ruby, My Dear / Evidence, Well You Needn’t, Friday The 13th, Misterioso / Epistrophy / Ask Me Now.

(Setola Di Maiale SM2660)

Roma, 20-21 Dicembre 2013.

chiusura

INO NOBUYOCHI. (B).

Gunma, Giappone. 26/3/1950.

Si è diplomato alle scuole superiori ed ha iniziato la sua carriera nel jazz nel 1971. Nel 1973 ha suonato con Idefumi Toki, poi con Isao Suzuki, Motohiko Hino, Masahiko Sato, Kazumi Watanabe, nel 1977 ha diretto un suo trio e nel 1981 ha fatto parte del Berliner Jazztage. Ha anche collaborato con Kosuke Mine, Akira Miyazawa, Masajuki Takayanagi con il quale ha partecipato al Festival di Moers nel 1980. Poi con Terumasa Hino, con Aki Takase, nel 1984 e nel 1988 con Lester Bowie, con il quale ha girato l’Europa ed ha anche registrato in duo. Ha fatto parte della Globe Unity Orchestra, del trio di Alex Schlippenbach, poi con Sunny Murray e nel 1986 ha fatto parte in una tournèe giapponese del gruppo “Elvin Jones Japanese”. Nel 1989 ha guidato il “Four Sounds”. Poi ha suonato con Masahiko Togashi e ha fatto parte della Berlin Contemporary Orchestra con la quale ha anche registrato. chiusura

INOMATA TAKESHI. (DR).

Takarazuka, Giappone. 6/2/1936.

Ha fatto parte di una famiglia di musicisti ed egli ha esordito a sedici anni. A venti anni si è trasferito a Tokyo dove ha iniziato a suonare con Six Joses, ha diretto insieme a Shin Watanabe, i West Liners e con Konosuke Saijo. Insieme a Norio Maeda e Yasuo Arakawa ha fodato il gruppo cooperativo “We 3”, che per anni è stato il miglior gruppo giapponese. Agli inizi degli anni ’60 ha vissuto negli Stati Uniti dove ha studiato con Alan Dawson ed altri. Al suo ritorno in patria ha istituito il Rhythm Clinic Center, una scuola di jazz. Nel 1994 con i suoi Japan All Stars si è esibito alla Carnegie Hall ed all’Apollo Theater di New York. Ha anche fondato un gruppo insieme a Maeda e Sadanori Nakamure. Ha scritto “The Cours Of Jazz (Popular) Music HIstory In Japan”. E’ stato uno di pionieri del percussionismo giapponese. chiusura

INOUE YOSUKE. (B).

Osaka, Giappone. 16/7/1964.

Ha iniziaro a studiare la chitarra elettrica, per poi passare mentre frequenta la scuola superiore al basso elettrico. Nella scelta è stato influenzato da Jaco Pastorius. Ha sudiato composione all’Osaka College of Music ed ha iniziato a lavorare nei club. Dopo essersi diplomato è andato a Tokyo dove è entrato nel gruppo di Motohiko Hino, ha anche registrato con Masahiko Sato, Masami Nakagawa, Yosuke Yamashita, Terumasa Hino ed altri. Nel gennaio del 1991 si è spostato a New York dove ha accompagnato Abraham Burton, Hank Jones, Cyrus Chestnut, Don FRiedman, Carmen Lundy, Eddie Daniels, Dewey redman, Lee Konitz, Louis Hayes e Michael Garvin. Ha registrato ed ha fatto parte del gruppo cooperativo giapponese “Inside Out” nel 1992, il gruppo di art-bop “Japanese and American” diretto da Roy Hargrove nel 1995 ed il Jones’s Great Jazz Trio nel 1998. E’ nadato in tournèe ed ha registrato con Matt Wilson nel 1996 e nel 1997 ha registrato da leader con un suo gruppo. chiusura

INSIDE.

Termine che vuole indicare la combinazione per la quale, la penultima parte di un ritornello in una canzone popolare ripete la parte di apertura. chiusura

INSTITUTE OF JAZZ STUDIES.

Centro statale di raccolta e archiviazione sito a Rutgers, presso l’Università di Stato del New Jersey, a Newark. E’ stata fondata a New York da Marshall W.Stearns e trasferita a Newark nel 1966, dopo la morte di Stearns. A lui è succeduto come direttore Chris White e nel 1976 Dan Morgenstern. Gli archivi dell’instituto si sono arricchiti con l’arrivo di molte donazioni, come materiale fonografico, libri, periodici, cataloghi di dischi, fotografie e filmati, che hanno creato un patrimonio di memorie. Ha organizzato conferenze sul jazz. Dal 1973 al 1981 ha prodotto delle pubblicazioni didattiche in lingua inglese sul jazz, come il biennale “Journal Of Jazz Studies”, sostituito nel 1982 dall’ ”Annal Review of Jazz Studies”e nel 1979 un “IJS Jazz Register”, con discografie generali. Nel 1982 in collaborazione con il Scarecrow Press, ha pubblicato una delle prime serie di monografie intitolata “Studies In Jazz”. Ha anche organizzato occasionalmente dei concerti, dei seminari ed ha prodotto dei programmi in collaborazione con la radio WBGO di Newark. Dal 1994 tutto è passato al “John Cotton Dana Libraty” nel campus universitario. chiusura

INSTITUT FUR JAZZFORSCHUNG.

Istituto di ricerca nato a Graz in Austria nel 1969, come appendice dell’Institut fur Jazz nato nel 1964 nell’Akademie, sempre a Graz. Istituto di ricerca sul jazz, in relazione alle sue discipline, bibliografie, etnologie, trascrizioni, pedagogia e la sua estetica, attraverso la sua affiliata l’Internationale Gesellschaft Fur Jazzforschung, per organizzare meeting e conferenze. Affiliata anche alle annuali pubblicazioni del Jazzforschung/Jazz Resarch ed altre pubblicazioni. chiusura

INTAKT.

Compagnia discografica ed etichetta cooperativa, fondata a Zurigo in Svizzera nel 1984, che ha organizzato il “Taktlos Festival”, registrando il programma. Alla fine del 1999 il suo catalogo contiene 50 album, di tutti musicisti europei di orientamento free.chiusura

INTERNATIONAL ASSOCIATION OF JAZZ APPRECIATION. (IAOJA).

Organizzazione senza scopo di lucro, nata bel 1982 con sede a Los Angeles, per la preservazione ed il perpetuamento del jazz come unica forma d’arte americana. William J.Coffey è stato il suo fondatore ed è stato il suo presidente per molti anni. Ha organizzato molti concerti, ma la sua attività più importante è stata quella di organizzare concerti per le scuole pubbliche. chiusura

INTERNATIONAL ASSOCIATION OF JAZZ EDUCATORS. (IAJE).

E’ stata fondata nel 1968, collegata alla National Association of Jazz Educators (NAJE). Inizialmente unita alla Music Educators National Conference (MENC) il cui intendimento è quello di favorire l’insegnamneto del jazz nelle scuole e coltivare le nuove generazioni al jazz. Oltre a tenere dei convegni annuali, ha curato la pubblicazione di varie antologie e di un periodico annuale. Nell’agosto del 1987 l’Interantional Foundation of Jazz ha stabilito di aumentare i fondi per sostenere lo sviluppo ed il programma educativo del NAJE e nel 1989 si è trasformato in IAJE. Il suo uffico centrale è a Manhattan nel Kansas e il suo patrimonio librario è custodito nel Library of Congress di Washington D.C. chiusura

INTERNATIONAL ASSOCIATION OF JAZZ RECORD COLLECTORS. (IAJRC).

Associazione dei collezionisti di dischi, cassette e filmati, fondata a Pittsburg nel 1964 da William C. Love. L’associazione incoraggia gli scambi e le informazioni tra i suoi soci. Ha pubblicato un bollettino trimestrale, lo “IAJRC Record”, diventato nel 1969 lo “IAJRC Journal”. Nel 1970 ha pubblicato un suo album discografico. Essa si riunisce annualmente in agosto. chiusura

INTERNATIONAL ASSOCIATION OF SCHOOLS OF JAZZ. (IASJ).

Organizzazione fondata nel 1989 da Dave Liebman, con lo scopo di organizzare una rete didattica internazionale. Nella sua prima assemblea vi erano rappresentanti di 16 scuole e 13 paesi. Le altre riunioni sono state programmate ogni anno in un paese diverso, iniziando ad Hague in Olanda dove è nata. Nella primavera del 1994 ha pubblicato “Jazz Changes: The Magazine of The International Association of Schools of Jazz”. chiusura

INTERNATIONAL JAZZ FEDERATION. (IJF).

Organizzazione intermazionale per la promozione del jazz fondata a Venezia in Italia, nella metà degli anni ’60, come European Jazz Federation e dal 1973 è membro della International Music Council of UNESCO, fondata a Nancy in Francia nel 1977. Amministrata dall’International Musikinstitut di Darmstad in Germania, ha i suoi uffici a Stoccolma, Londra e Varsavia, e nel 1977 ha aperto anche a New York, come associazione indipendente: la “Jazz World Society”. Essa comprende le associazioni jazz di 20 paesi. Essa organizza annualmente la European Jazz Competition, messa sù nel 1982 come “Leverkusener Jazzstage” a Leverkusen in Germania, con l’etichetta International Jazz Junction, con campus, seminari e pubblicazioni bimestrali. Ha anche pubblicato il “Directory of Jazz Festival and Related Major Jazz Events”e il “Directory of Jazz Schools”revisionati periodicamente.chiusura

INTERNATIONAL JAZZ JAMOBOREE FESTIVAL.

Festival che si tiene annualmente a Varsavia, iniziato nel 1959. Esso è organizzato dall’agenzia “Polka Federacja Jazzowa”in seguito “Polska Stowarzyszenie Jazzowa”. Organizzato di solito nel mese di ottobre presso la Congress Hall o il Palazzo della Cultura e delle Scienze. Dal 1980 ha la durata di otto giorni. Nel 1996 è stato organizzato da Marcin Kydrynski. Esso ha ospitato i più grandi protagonisti del jazz di tutti i tempi. Sono stati coinvolti tutti i club di Varsavia. E’ il più importante festival dell’Est Europeo. chiusura

INTERNATIONAL NEW FESTIVAL MOERS.

Festival del free jazz che si svolge ogni anno, tra maggio e giugno, a Moers in Germania dal 1972. Organizzato dalla “Moers Music” e finanziato dalla città è diventato un evento culturale importante. Oltre ai pubblici concerti vi sono anche incontri e dimostrazioni nelle scuole. E’ senz’altro il più importante festival del free jazz mondiale e molte performance sono diventati dei dischi importanti. chiusura

INTERNATIONAL SWEETHEARTS OF RHYTHM.

Orchestra nata nel 1939 nella scuola Country Life School a Piney Wood nel Mississippi. Orchestra swing composta da 18 donne di qualsiasi nazionalità. La loro leader è stata Anna Mae Winburn Darden e ha annoverato diverse buone musiciste, come la batterista Pauline Braddy, l’alto sassofonista Roz Cron, al sax tenore Viola Burnside, al sax baritono Willie Mae Wong, la trombettista Tiny Davis, la trombonista Helen Jones e la bassista Carline Ray. Ha vuto degli ottimi arrangiatori in Eddie Durham e Jesse Stone. L’orchestra ha avuto un debutto trionfale al Howard Theater di Washington nel 1940. Ha suonato anche al teatro Apollo di New York e ha fatto molte tournè in America ed in Europa sempre ottenendo il massimo del gradimento. Le registrazioni dell’orchestra sono state trasmesse attraverso l’Armed Forces Radio Service e ristampate su diversi album. L’orchestra si è sciolta alla fine degli anni ’40. La winburn ha continuato a dirigere altre orchestre, negli anni ‘50. chiusura

INTERLUDIO.

Sezione centrale che l’arrangiatore intercala talvolta tra due “chorus”.chiusura

 

INTERNATIONAL JAZZ WORKS.

Orchestra riunita solo in occasione di una regsitrazione fatta in Germania e composta da musicisti europei e americani che vivevano per molti mesi all’anno in europa.

Discografia:

International Jazz Works.

Benny Bailey, Donald Byrd, Jon Eaderley, Johnny Renard, Idrees Sulieman (tr) Alòbert Mangelsdorff, Nat Peck, Ake Persson, Eje Thelm (tb) Johnny Scott (sa-fl-cl) Klaus Dolòdinger, Johnny Griffin, Rolf Kuhn (st) Sahib Dhiab (sb-fl) Ingfried Hoffman (org) Pierre Cavalli (g) Niel H.O.Pedersen (b) Egil Johanson (dr).

Knoeld Waltz / Blazy Bones Revisiterd / Jonathan / Waltz Of The Five Cats / Hip-Hit / Revelation / Conversation / The Jamis Are Coming.

(Philips 48095). Rurh Jazz Festival, Germania, 26-6-64.chiusura

INTERNATIONAL NEW JAZZ MEETING AUF BURG ALTENA.

Registrazione fatta in occasione del Meeting Internazionale di Altena in Germania.

Discografia:

Malcon Griffitths (tb) Mike Osborne (sa) Alan Skidmore (st) John Taylor (p) Chris Laurence (b) Tony levin (dr) Norma Winstone (vc).

KLM / And Think Again.

(JG 27/28). Auf Burg Altena, Germania, 27-28 Giugno 1971.chiusura

INTERNATIONAL YOUTH BAND.

Orchestra composta in prevalenza di musicisti europei, organizzata da George Wein e diretta da Marshall Brown. Questa orchestra è stata presentata per la prima volta al Festival di Newport del 1958. In seguito è stata anche protagonista di show televisivi.

Discografia:

Newport 1958.

Don’t Wait For Henry / Don’t Blame Me / Jazz Concerto For Alto Sax / Too Marvellous For Words / Swingin’The Blues / Imagination / Newport Suite / Opus 24.

(Columbia CL 1246). Newport Jazz Festival, 1958.chiusura

INTERPLAY FOR 2 TRUMPETS AND 2 TENORS.

Serie di incisioni approntate da Bob Weinstock manager della Casa discografica Prestige, per un lancio appropriato della sua marca.

Idrees Sulieman, Webster Young (tr) John Coltrane, Bobby Jaspar (st) Mal Waldron (p) Kenny Burrell (g) Paul Chambers (b) Art Tayolr (dr).

Interplay / Anatomy / Light Blue / Soul Eyes.

(Prestige LP 7112). 27-3-57.chiusura

INTERVALLO.

Distanza che separa due note in rapporto armonico o melodico. L’intervallo di seconda è compreso fra la tonica (o primo grado) ed il secondo grado, l’intervallo di settima fra la tonica e il settimo grado, ecc.chiusura

INTINI COSMO (P).

Putignano, Bari, Italia. 1959.

Diplomato al Conservatorio di Bari, ha iniziato l’attività di concertista classico. E’ entrato nel jazz portandosi dietro il suo tocco raffinato ed una grande organizzazione sonora. Pianista dalle idee a volte laboriose ma sempre estremamente chiare. Si impegna in assoli ed improvvisazioni di notevole qualità. Il suo punto di riferimento è Herbie Hancock.

Discografia:

My Favorite Roots.cosmo intini My Favorite Roots.

Paolo Fresu (tr-flic) Gary Bartz (sa-ss) Cosmo Intini (p) Carroll Dashiell (b) Victor Lewis (dr).

When Sunny Gets Blue / Powerful Warrior / ‘Round Midnight / Fathery Love / My One And Only Love / Steps.

(Timeless SJP 339 CD). Roma, 16-5-89.chiusura

INTO THE BLUE.

Gruppo nato in occasione di una registrazione di un album, “Into The Blues”. Incisione nata su base cooperativa ed il gruppo è conposto dal trombettista Flavio Boltro, dal sax tenore Micherle Bozza, dal pianista Piero Bassini, dal bassista Riccardo Fioravanti e dal batterista Giampiero Prina.

Discografia:

Into The Blue.into-the-blue

Flavio Boltro (tr) Michele Bozza (st) Piero Bassini (p) Riccardo Fioravanti (b) Giampiero Prima (dr).

Paulermin’s Blues / Night Road / Bluesixteen / Step’s Blues / Blues By Night / Into The Blue.

(Red Record RS 218).

Milano, Novembre 1987.chiusura

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...